Quanto costa la SEO? Il prezzo del posizionamento web

Quanto costa al SEO?

Questo è uno dei grandi interrogativi che si pongono sempre a chi di noi naviga in questo settore. Se siamo da parte del professionista che fornisce questi servizi, o se siamo il cliente che li richiede, abbiamo questa stessa domanda, cosa comporta un preventivo seo?

Il professionista così come il cliente deve fare alcune stime del costo dei lavori in un certo progetto, la fattibilità della stessa e la cosa più importante, alla fine, la redditività.

Vedete che questi sono concetti che sono completamente diversi da quello che di solito si parla nel podcast, ma che sono la base per sapere di che cosa abbiamo bisogno e quanto ci costerà.

Ecco perché ho strutturato il programma di oggi nelle fasi principali che dobbiamo seguire se siamo la parte professionale o il cliente, per determinare una stima dei costi di SEO per un progetto.

Strategia -> Ottimizzazione -> Redditività

Strategia SEO

Il punto di partenza di ogni progetto. Abbiamo bisogno di una strategia chiara e definita, con un inizio e una fine, che possiamo tradurre in un calendario che, sebbene possa essere modificato, rispetti determinate date di inizio e fine.

Penso che dovremmo distinguere ciò che la manutenzione SEO è da una strategia di SEO.
Dal mio punto di vista, la manutenzione è una sorta di controllo che effettuiamo quotidianamente sul posizionamento di un progetto e che, ovviamente, sarà sempre effettuato in aziende online già consolidate e posizionate.

E’ comune avere il controllo del traffico proveniente da Google, rilevare fluttuazioni di parole chiave importanti, valutare cambiamenti tecnici e individuare nuove opportunità su cui generare nuove strategie di posizionamento. Ovviamente questo può essere molto esteso, ma per riassumere, si tratta di monitorare e rivedere il posizionamento di un sito web.

Ovviamente, questo tipo di lavoro è di solito a pagamento con un canone mensile fisso, e dipenderà dal professionista o agenzia di noleggio, e comprenderà più o meno servizi con la conseguente differenza di prezzo. Alla fine del programma fornisco alcuni esempi di quanto questo tipo di servizio possa costare.

Questo non ha nulla a che vedere con una strategia di SEO, che è qualcosa di molto più definito e, come dicevo, ha una data di inizio e fine.

Una strategia implica un profondo processo di analisi per conoscere il settore, il target di riferimento, così come il business stesso. Questo non è esclusivo della strategia SEO, qualsiasi azione che vogliamo avere in un progetto deve essere ben pensato e lavorato.

La particolarità delle strategie che influenzano il traffico biologico è la loro data di entrata in vigore. Stiamo parlando di strategie a medio e lungo termine, possiamo vedere i loro frutti in 6-12 mesi.

Questo ci fa pensare che qualcosa di importante sia la redditività a breve termine di queste azioni e la capacità di investimento che le aziende che vogliono lavorare con il posizionamento organico come base del loro business devono avere. Affronteremo la questione un po’ più tardi.

Ottimizzazione tecnica e dei contenuti

Abbiamo preparato una strategia, abbiamo tutto chiaro e inizieremo con la seconda fase di valutazione, ora dobbiamo esaminare il sito web su cui lavoreremo.

Normalmente, lo sviluppo web non ha un consiglio sull’ottimizzazione SEO così come i professionisti la cosa più comune è trovare siti web pieni di fallimenti SEO.

Quando ti presenti con il tuo sito web ad un’agenzia o ad un professionista, la cosa più comune e consigliata da fare è effettuare un audit tecnico. E ‘necessario rimuovere in un rapporto tutti i gazapos che il portale ha per il suo trattamento successivo. Questi audit hanno un costo variabile che dipenderà dalle dimensioni del sito web e dallo stato iniziale del sito stesso.
Non è lo stesso per controllare un sito web aziendale che ha 30 URL come un e-commerce con 10.000 referenze e 80 categorie, è ovvio.

L’audit contribuirà ad eliminare le carenze tecniche e di ottimizzazione dei contenuti, ma individuerà anche i settori in cui occorrerà adottare una strategia più o meno parallela.
Ottimizzazione tecnica

Le carenze individuate nel corso dell’audit, unitamente ai miglioramenti proposti, genereranno un elenco di azioni da eseguire sul web.

Questo tipo di cambiamento coinvolge un secondo professionista, di solito un programmatore che effettuerà le diverse modifiche e implementazioni che sono state pianificate. Questo professionista può essere esterno o può essere della stessa agenzia si assume, il punto è che avranno un carico di lavoro variabile e dovrà budget.
Ottimizzazione dei contenuti

Una volta che il sito web ha una base tecnica corretta, è il professionista SEO che inizia ad eseguire i diversi miglioramenti proposti nella prima fase della strategia e l’audit precedente.

Qui abbiamo cambiamenti molto importanti come le modifiche dell’architettura delle informazioni, i cambiamenti del livello di ottimizzazione a pagina, importanti modifiche del livello di indicizzazione… e un lungo eccetera che naturalmente è contemplato nella strategia.

E’ anche in questa fase che collaboriamo con strategie parallele, se esistono, come il marketing inbound e la generazione di contenuti.