Ma Io Pensavo Che Scherzassero!

bambini protettiA proposito ci sono delle leggi da seguire (alcune di recente modifica) che assicurano ai nostri figli una maggiore sicurezza negli spostamenti. Insegnategli fin da piccolissimi il significato dei semafori e delle strisce pedonali oltre che la buona abitudine di guardare da entrambi i lati della strada prima di traversare e di dare la mano all’adulto che li accompagna. La normativa R44/04 in vigore da quest’anno prevede inoltre che i bambini al di sotto dei 125 centimetri di altezza debbano obbligatoriamente utilizzare un rialzo con schienale. La normativa vuole che i bambini fino a 36 kg (o al di sotto dei 150 cm di altezza) siano posizionati su degli appositi seggiolini. Tutta questa cautela per la salute dei medici, degli infermieri e dei migranti. Tanti pediatri si stanno immolando alle circolari, esautorando, come al solito, la legge, negando la prescrizione degli esami anticorpali e subendone le relative denunce penali. Tante regioni si sono premurate di tempestare con circolari bizzarre (in contrasto con atti amministrativi superiori e persino con norme) ASL, medici di famiglia e pediatri nel NON prescriverli perché non necessari. Perché i pediatri si rifiutano, a costo di prendersi le denunce penali, di prescrivere gli esami anticorpali ai bambini?

  • Mal di gola
  • Preparati alle emergenze
  • Tecniche di auto-rinforzo
  • Indica che il seggiolino è omologato secondo la normativa precedente

mamma oggiMa d’altronde sono gli stessi produttori dei vaccini che con massima trasparenza lo scrivono non su documenti riservati ma direttamente sui fogli illustrativi di vaccini come questo, ad esempio. Ci sono quelli fino ai 18 kg e gli adattatori (dai 18 ai 36 kg), divisi in base al peso in 5 gruppi. Semplice, con gli esami anticorpali, le IgG, per intenderci. Anche ai migranti vengono prescritti (con piena esenzione ticket per giunta) gli esami anticorpali per evitare una loro inutile rivaccinazione. Giungono sempre più segnalazioni di medici e genitori che hanno, rispettivamente, prescritto ed effettuato gli esami prevaccinali anticorpali ai bambini, con esiti inattesi (per alcuni): i vaccinati non hanno gli anticorpi! Nel cratere sismico di umbria-marche-lazio-abruzzo, il SSN passa persino il viagra con l’esenzione del ticket, ma gli esami anticorpali prevaccinali no, quelli no! Vaccinati con l’esavalente, e a tutti i relativi richiami, non hanno gli anticorpi contro Tetano, Pertosse ed Epatite B! Quindi come fare a sapere se i bambini hanno già contratto o meno la malattia contro la quale vorrebbero vaccinarlo?

Se li portate in passeggino, legateli sempre con le apposite cinture per evitare che riescano a scendere in autonomia (soprattutto se già camminano). Le cinture devono essere sempre ben aderenti in modo che non passi più di un dito. I bambini che vengono trasportati in bicicletta devono obbligatoriamente essere posti a sedere in un apposito seggiolino omologato che può essere fissato sul davanti o sul retro della bici. Tra le cose più importanti da non sottovalutare c’è quella di trasportarli in totale sicurezza non solo a piedi ma anche in macchina e in bicicletta. I bambini, soprattutto se piccoli, possono sfuggire facilmente al nostro controllo a piedi e sono esposti a grandi rischi se trasportati in maniera scorretta in auto o in bici. In base all’età dei bambini, si distinguono passeggini che si possono utilizzare da 0 a 6 mesi e altri invece adatti solo dai 6 mesi in poi.

Ora, invece, con la denuncia penale per omissione d’atti d’Ufficio, saranno licenziati?

I bambini possono essere trasportati in bici dal momento in cui imparano a stare ben seduti da soli (circa 9 mesi). I materiali con cui si realizzano possono essere diversi ma devono essere tutti facilmente lavabili per poter facilitare l’igiene. Per quanto riguarda i neonati, fino a 9 kg devono viaggiare legati con la cintura di sicurezza nella navicella o nell’ovetto ben fissati ai sedili posteriori in senso opposto a quello di marcia. Ora, invece, con la denuncia penale per omissione d’atti d’Ufficio, saranno licenziati? Importante sceglierne uno di qualità che deve avere schienale, sistema di fissaggio e di sicurezza e dispositivo di protezione dei piedi, il tutto regolabile a seconda dell’altezza del bambino. Tutti i seggiolini devono soddisfare i requisiti presenti nella norma EN 14344 (trovate questa dicitura ben visibile sul dispositivo che acquistate). Ne esistono di differenti fasce d’età, omologati in base al peso e alla statura che possono supportare.